Differenze e caratteristiche dei cavi ethernet


Quali sono le differenze tra un cavo Ethernet e l’altro?
I cavi Cat-5 consentono di raggiungere velocità di trasferimento dati contenute (10/100 Mbps) con una larghezza di banda pari a 100 MHz (quelli di categoria 3 e 4 non sono da tempo più in commercio proprio in forza dell’incompatibilità con lo standard 100BASE-Tovvero Fast Ethernet).

Un cavo Ethernet Cat-5e consta delle stesse caratteristiche della precedente categoria eccezion fatta per un processo costruttivo migliorato, tale da ridurre al minimo il problema della diafonia. Questi cavi possono assicurare un trasferimento dati fino a 1 Gbps.I cavi Ethernet Cat-6 permettono di attivare trasferimenti dati fino a 10 Gbps. Ovviamente tutto l’hardware installato all’interno della propria rete locale dovrà essere adeguato (router, schede di rete, switch di ultima generazione) ma senza un cavo capace di trasferire dati ad una velocità oltre 1 Gbps (ovvero 1.000 Mbps o 125 MB/s) non si potranno mai raggiungere queste velocità.
Gli switch più performanti vengono indicati con la specifica 10 GbE perché, appunto, consentono di trasferire fino a 10 Gbps

I cavi Ethernet Cat-6 sono ideali per l’utilizzo domestico e in ufficio grazie alla possibilità di portare 10 Gbps fino a 55 metri di distanza. La versione migliorata – Cat-6a – utilizza frequenze di lavoro sino a 500 MHz.

cavi Ethernet Cat-7 sono i migliori oggi in commercio: sono ideali per le aziende perché aiutano a superare tutte le precedenti limitazioni.
In questo caso si arriva a 10 Gbps a 100 metri mentre con la versione migliorata Cat-7a ci si può spingere fino a 40 Gbps a 50 metri; 100 Gbps fino a 15 metri (le frequenze di lavoro salgono, rispettivamente, a 600 e 1.000 MHz).